MASW

Il MASW, acronimo di Multi-channel Analysis of Surface Waves, è una tecnica d’indagine speditiva che utilizza il rumore ambientale per caratterizzare in profondità il profilo di Vs (velocità delle onde trasversali). La tecnica masw è ormai di largo impiego nel campo ingegneristico in quanto, abbinata con la sismica a rifrazione, consente di ricavare i moduli elastici dei terreni e di calcolare la Vs30 secondo le NTC 2008 (categorie di sottosuolo). La Masw si distingue in “passiva” e “attiva” a seconda delle profondità e del dettaglio che si vuole raggiungere.

Nel “metodo attivo” le onde superficiali sono prodotte da una sorgente impulsiva disposta a piano campagna e vengono registrate da uno stendimento lineare composto da numerosi ricevitori posti a breve distanza (distanza intergeofonica).

Nel “metodo passivo” lo stendimento presenta le stesse caratteristiche geometriche del metodo attivo ma i ricevitori non registrano le onde superficiali prodotte da una sorgente impulsiva, bensì il rumore di fondo (detto anche “microtremori”) prodotto da sorgenti naturali (vento) e antropiche (traffico, attività industriali).

Le due tecniche indagano bande spettrali differenti: mentre il metodo attivo consente di ottenere una curva di dispersione nel range di frequenza compreso tra 10 e 40 Hz e fornisce informazioni sulla parte più superficiale di sottosuolo (fino a circa 20-30 m di profondità in funzione della rigidezza del suolo), il metodo passivo consente di determinare una curva di dispersione nella banda di frequenza tra 4 e 20 Hz e fornisce informazioni sugli strati più profondi (generalmente al di sotto dei 30 m).

MASW ATTIVO

Line1(Geometry)(ActiveOT)(166)Line1(Geometry)(ActiveOT)(166)(Vel)

MASW PASSIVO

REMI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *